Vorresti sostenere un bambino?

Perchè non un bambino nepalese?

Con il tuo aiuto protrebbe frequentare la scuola ed avere un futuro migliore!

Per tanti bambini non é possibile frequentare la scuola se non ricevono un aiuto dall’esterno. Un adozione a distanza  puó essere un aiuto importante! Collaboriamo con diverse organizzazioni e strutture:

L’importo necessario per la scuola ammonta a circa 230 euro,  per scuola piú  vitto ed alloggio 360 /410 euro. Circa due volte l’anno riceverai informazioni (foto, lettera e pagella) del bambino da te sostenuto.

Chiama semplicemente i numeri: Tel. 338-8617572 (Margit) oppure Tel. 0473-234544 (Helene) Grazie!

Adesione adozione
a distanza Download

Sistema formativo in Nepal

Un moderno sistema formativo in Nepal è stato introdotto nel 1853 con le prime scuole, dove avevano accesso soltanto i cortigiani ed i componenti delle famiglie più ricche. Una scuola accessibile alla popolazione venne costituita nel 1951, dopo che una rivolta popolare ha sovvertito il regime autocratico dei Rana ed instaurato una democrazia, da allora esiste una forte espansione del sistema formativo in tutto il paese. Nel 2010 il risultato di un censimento ha stabilito che l’ alfabetizzazione degli adulti (età> 15 anni) era pari al 60,3% di cui 46,3% donne e 73% uomini. Mentre nel 1951 si contavano circa 300 scuole, e 2 scuole superiori con circa 10.000 studenti, si contano oggi 49.000 scuole, 415 scuole superiori, 5 università e 2 accademie per studi superiori. In totale vengono oggi accolti in queste strutture scolastiche  7,2 milioni di studenti istruiti da 222.000 insegnanti. Il numero sale attualmente di giorno in giorno.

Nonostante queste cifre, esistono grandi problemi e sfide da affrontare: personale scolastico, aumento della qualità e accesso all’istruzione sono i punti critici, oltre alle ingiustizie sociali (sesso, appartenenza alle caste, classi di reddito) che devono essere eliminate. La scarsità di risorse è grande. Queste problematiche rendono difficile dare un’ istruzione, e stanno diventando una sfida per tutto il paese.

Il sistema scolastico in Nepal si divide in due cicli, il ciclo di base ed il ciclo superiore. Il ciclo base comprende la scuola elementare (1-5) e la scuola secondaria (6-8) o (9-10). Una scuola materna esiste soltanto in alcune regioni. Al compimento del sesto anno si può iniziare a frequentare la scuola elementare. La decima classe si conclude con un esame di stato (School Leaving Certificate SLC). Attualmente la scuola materna per bambini tra 3-5 anni dura un periodo da 1 a 3 anni. I gradi 11-12 vengono definiti come scuola superiore di secondo grado e sono gestiti privatamente. A breve questo ciclo di alto livello, dovrebbe venire equiparato ad un corso universitario. Attualmente alcune università offrono questo ciclo di studio, mentre l’amministrazione vorrebbe integrarlo nel sistema scolastico.

Il governo Nepalese ha stabilito che l’obbligo scolastico fino al quinto anno è libero. Molte scuole chiedono tutt’ora un contributo per l’iscrizione ed un contributo per gli esami. Il numero delle scuole pubbliche non è sufficiente per accogliere tutti i ragazzi ed anche la qualità del servizio è insufficiente. Così i genitori sono costretti a fare l’impossibile per dare la possibilità ai figli di frequentare una scuola privata. Le materie principali comprendono nepali, inglese, matematica, scienze naturali; altre materie sono sociologia, storia, geografia, igiene, informatica ed altre attività. Nelle scuole private, troviamo spesso lezioni di musica, danza e diverse attività sportive.

Sostegni a distanza e supporti economici alle strutture

Society for Each Other (SEO), Kathmandu

Persona di riferimento: Jaya

I bambini arrivano tutti da diverse zone fuori Kathmandu, abitano dalle loro famiglie e grazie al nostro supporto possono frequentare la scuola.

Quest’anno siamo riusciti a sostenere 26 bambini (Sujal, Pooja, Ranijta, Sunena, Srijan, Manisha, Krisha, Rai, Diksyha B, Anil, Reshma, Srijana, Radip, Rita, Asmita, Sangita, Sweety, Sreejana, Kripa, Bipana, Sidharta, Dikshya K, Salina, Priyanka, Sudarshan und Muskan). La retta annuale scade un mese prima dell’inizio dell’anno scolastico, che in Nepal è Marzo.

C’è la possibilità di fare un sostegno a distanza oppure sostenere l’istituto con qualsiasi offerta in qualsiasi momento.

Homepage

Aishworya Heim, Kathmandu

Persona di riferimento: Nirmala Ghimire e sua figlia Pramila

In questo istituto vivono attualmente 50 bambini da 1 a 17 anni, sono stati accolti 8 bambini che con il terremoto avevano perso tutto.

Abitano in istituto e frequentano la scuola. Collaboriamo con questa struttura dal 2009 e ad oggi sosteniamo 15 bambini: Dilip, Sani, Ahsmita, Sanjana, Pooja, Susmita, Shiva, Roshani, Roshan, Bisesh, Dipesh, Muskan, Padam, Anjana und Ajay. Roshani e Roshan due dei bambini sostenuti da noi dopo il terremoto risultano dispersi, i loro padrini adesso hanno deciso di sostenere Sonika e Prashant, altri due bambini. Oltre ai sostegni a distanza l’istituto è stato sostenuto con diverse offerte.

Homepage

Sahayogi Samaj Nepal (Sasane), Kathmandu

Persona di riferimento: Aruna K. Baidya

Questo istituto è il più piccolo e noi collaboriamo con Aruna dal dicembre 2014. Qui vivono 14 bambini di cui la maggior parte trovati per strada e perciò hanno riportato dei traumi molto forti. Sosteniamo 8 bambini: Suprija, Sulav, Abha, Gaulav, Stuti, Shaily, Nirman und Umanga. Anche per questa struttura sono state raccolte diverse offerte.

Homepage

Helping Hands for the Deaf – Un sostegno per i giovani sordomuti del Nepal

Da gennaio 2016 sosteniamo la struttura HELPING HANDS FOR THE DEAF (mani che aiutano i sordomuti) a favore di ragazzi sordomuti del Nepal coprendo i relativi costi annuali per quattro bambini.

Siccome questa struttura situata a Kathmandu era assolutamente troppo piccola per accogliere il numero di persone che sta ospitando, una delle nostre priorità sin dall’ inizio era  quella di dare a questa organizzazione la possibilità di affittare un ambiente più grande e più appropriato a questo scopo. Finalmente nell’agosto 2018 siamo stati in grado di affittare un appartamento di quattro stanze nella casa vicina e finalmente i giovani hanno alcune stanze più luminose e confortevoli dove possono vivere e studiare.

Helping hands for the deaf  (HDD) è un’organizzazione non profit che gestisce un ostello per  bambini disagiati e sordomuti del Nepal. In questo momento ci abitano 19 bambini sordomuti, 2 ragazzi e 17 ragazze. Hanno un’età compresa tra otto e vent’anni.

Frequentano diverse classi presso la scuola centrale secondaria superiore per sordomuti a Naxal, Kathmandu. Helping hands for the deaf  mira a fornire un’istruzione di qualità a tutti i bambini sordomuti, aiutando  in tal modo a concretizzare i loro sogni di una vita migliore. Il motto è l’uguaglianza nell’istruzione e un forte sostegno per rendere questi ragazzi  persone  autosufficienti. L’organizzazione provvede all’istruzione, all’alimentazione salutare, all’assistenza sanitaria e  copre tutte le loro necessità di base.

Gli obiettivi:

  • HHD è un’ONG non profit che opera per una causa sociale, non a scopo di lucro.
  • HHD gestisce un ostello per bambini sordomuti.
  • HHD garantisce una sana alimentazione con colazione, pranzo, cena ecc.
  • HHD fornisce tutti i materiali necessari per lo studio.
  • HHD organizza programmi di sensibilizzazione in materia di istruzione, società e  salute.
  • HHD presta attenzione all’igiene e alla salute dei bambini.

Crediamo che la possibilità di avere una buona istruzione o formazione professionale consentirà ai bambini di essere autosufficienti  e di aiutare così indirettamente anche tutta la società a che altrimenti dovrebbe farsi carico di loro. Precisiamo che questa ONG è gestita in parte da personale professionale, in parte da volontari, comunque qualificati per queste mansioni. Sullo sfondo dell’incapacità delle istituzioni pubbliche nepalesi di far fronte a queste necessità e della generale assenza di interventi pubblici stabili e durature a favori di tali gruppi di svantaggiati ONG come HHD sono l’unico aggancio per questi ragazzi per avere un’esistenza dignitosa. La maggior parte delle loro famiglie è troppo povera per poter concorrere alle spese di gestione, per cui l’impegno di HDD è essenzialmente legato alla presenza si donatori esteri.

L’importo necessario per la scuola ammonta a 410,00 euro con vitto ed alloggio.

Homepage